FERRARIS CRISTIAN CONSULENZE

Clicca qui per modificare il sottotitolo

Cos'è il DVR?

Il DVR è un documento fondamentale del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro (D.Lgs 81/2008) che le imprese devono obbligatoriamente redigere, custodire e esibire agli organi di controllo in caso di ispezione o richiesta di verifica. Serve per identificare e valutare i rischi presenti in azienda e deve contenere le procedure e le misure di prevenzione e protezione idonee.

DVR Obbligatorio: per quali aziende?

La normativa in vigore stabilisce che elaborare tale documento è obbligatorio per tutte le aziende che abbiano almeno un dipendente, con l'obiettivo di prevenire e ridurre i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, tuttavia sono esonerate dall'obbligo di redigere il DVR le aziende che non hanno dipendenti, ovvero liberi professionisti, imprese familiari, ditte individuali.

Quali enti possono effettuare i controlli?

gli enti autorizzati ad esercitare funzioni di controllo (e pertanto autorizzati a comminare sanzioni) all’interno dei luoghi di lavoro sono: la Guardia di Finanza, la Direzione Provinciale del Lavoro (ex Ispettorato del Lavoro), i Vigili del Fuoco e l’Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) competente per territorio.

Indipendentemente dalla definizione di “Ente di controllo”, ognuno degli Enti sopra specificati (più una serie di altri Enti quali INAIL, INPS, Comitati Paritetici di categoria, ecc. che però non hanno la qualifica di “Ufficiali di Polizia Giudiziaria”) può esercitare la propria funzione di controllo a prescindere dalla propria specificità, in ogni modo però, ogni singolo Ente, ha un proprio “campo privilegiato” e, proprio per garantire la professionalità degli ispettori e l’accuratezza dell’ispezione tende ad incentrare la visita di controllo in un campo specifico. In particolare la Guardia di Finanza interviene principalmente in materia fiscale, erariale e di controllo delle contraffazioni; la Direzione Provinciale del Lavoro interviene per la tutela dei diritti dei lavoratori in materia retributiva, contributiva e di condizioni di lavoro (con un occhio particolare alla tutela della maternità e del lavoro minorile) e, per alcune attività (es. cantieristica, lavori in sottosuolo/gallerie, ecc.) anche in materia specifica di tutela della salute e della sicurezza; i Vigili del Fuoco per il controllo dell’applicazione di tutte le norme di prevenzione incendi e di gestione delle emergenze; le A.S.L. per la verifica dell’adempimento a tutte le norme in materia di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori.